PASOLINI-IN UN FUTURO APRILE

COME PRENOTARE:

Contattaci:
Tel. 02.36503740 – biglietteria@pacta.org

Gruppi organizzati, dal lun al ven:
Tel. 02.36503740 – promozione@pacta.org

Gruppi scolastici, dal lun al ven:
Tel. 02.36503740 – ufficioscuole@pacta.org

PASOLINI-IN UN FUTURO APRILE

PASOLINI-IN UN FUTURO APRILE

Cento anni fa nasceva un grande poeta del Novecento italiano: Pier Paolo Pasolini. Un poeta che Moravia definì “sacro”.
La forza della poesia di Pasolini sta nella lucidità del verso, nella sua parola profonda e profetica. Pasolini aveva un’onestà pura, quasi religiosa, nel leggere la realtà.

Un reading di ascolto, dove la parola spogliata di tutto possa arrivare intensa, forte e necessaria. In scena solo una macchina da scrivere, quella che usava lui, con un foglio bianco, che rappresenti sia l’ultima poesia non scritta, sia il tremendo vuoto che la sua morte ha lasciato.

Un attore che cerca di dare corpo a queste parole mentre sullo schermo scorrono immagini e video creati apposta per moltiplicare e accompagnare la parola.

Pasolini occorre vederlo e sentirlo come a teatro, occorre che il pubblico completi l’evocazione della sua parola in carne e ossa. Il teatro non evoca la realtà dei corpi con le sole parole ma anche con quei corpi stessi.

Una drammaturgia costruita attraverso le sue poesie, le tematiche a lui care: le colpe dei padri che ricadono sui figli, la purezza innocente della gioventù e della maturità peccaminosa, la vita come atto poetico, il rapporto con la madre vista come creatura di bellezza.

Un Pasolini privato e pubblico che si racconta attraverso l’acutezza della sua poesia; brandelli di vita che emergono, affondano e riemergono.

CAST:
con e voce recitante Alessandro Pazzi
progetto e video Lorenzo Vergani
progetto luci Emanuele Cavalcanti
coproduzione PACTA dei Teatri/PONTOSteatro
INCONTRI:
  • Martedì 15 novembre – Pasolini e l’Eros. Con Giuseppe Girgenti.
  • Venerdì 18 novembre – testimonianza video su Pier Paolo Pasolini a cura di Mario Bianchi